.
Annunci online

bub
variazioni


Diario


31 agosto 2008

*

Elisabetta Rasy

Omaggi postumi, è in libreria «Hotel de Dream» di Edmund White

 “Il sole 24ore” , 24 agosto 2008

A ventiquattro anni, nel 1895, lo scrittore americano Stephen Crane pubblicò Il segno rosso del coraggio, considerato il primo romanzo di guerra moderno degli Stati Uniti per il pathos antieroico e irriducibilmente verista con cui vi era rappresentato il conflitto tra Nord e Sud e punto di riferimento del Novecento a venire. Qualche tempo prima aveva stampato, con uno pseudonimo e grazie ai soldi del fratello, Maggie: storia di una ragazza di strada, la vicenda, scabrosamente raccontata, di una prostituta, ma il libro non aveva avuto successo. Per guadagnare faceva il giornalista free lance, lo interessavano la vita dei quartieri miserabili e i teatri di guerra. In viaggio verso Cuba, conobbe in Florida quella che sarebbe diventata la sua compagna, Cora Taylor, che aveva qualche hanno più di lui e gestiva a Jacksonville un bordello dal nome poetico: «Hotel de Dream». Anche per sfuggire allo scandalo di questa unione nel '97 la coppia si trasferì in Inghilterra, dove Crane era molto apprezzato da scrittori importanti come il compatriota Henry James e Conrad. A Brede Place nel Sussex, il lavoro intenso, le difficoltà economiche e soprattutto la tubercolosi lo ridussero rapidamente in fin di vita: morì nel 1900, non ancora trentenne, in una località della Baviera poco dopo esservi arrivato dal fallimentare rifugio inglese.
Anche Edmund White, nato a Cincinnati nel 1940, è uno scrittore americano che a un certo punto della vita ha scelto l'Europa,Parigi nel suo caso,dove ha vissuto dal 1984 per quindici anni prima di rientrare negli Stati Uniti, probabilmente uno degli ultimi autori d'Oltreoceano che hanno considerato il Vecchio Continente una patria letteraria. Ispirandosi all'esperienza personale, ha raccontato nella sua opera il mondo a parte dei gay della sua generazione, dagli omofobi anni di Eisenhower a quelli combattivi della rivoluzione sessuale a quelli tragici dell'Aids (come nel bellissimo Sinfonia dell'addio), nulla però condividendo con la letteratura di denuncia o mi-litante se non la passione delle verità occultate, indagate con una prosa elegante in cui si intrecciano sentimento del tragico e ironia.
Nel 2007 White ha dedicato a Crane, che considera il più misterioso dei classici americani dell'Ottocento, un romanzo affascinante che è – anche –un affondo all'indietro nella storia della comunità omosessuale. Si intitola Hotel de Dream (ora tradotto in italiano con ottimo piglio stilistico e ogni tanto un po' troppo letteralmente da Giorgio Testa), ma il bordello di Cora non c'entra se non come evocazione di un'atmosfera di passioni disordinate, proibite e intense. Nel romanzo infatti Crane appare morente, assistito dalla dolcissima e scoveniente compagna, mentre è travolto dai ricordi della sua breve vita e soprattutto da un'ossessione: scrivere, anzi dettare con l'ultimo fiato rimasto, un romanzo iniziato anni prima e poi distrutto per timore di un imperdonabile scandalo. Un romanzo ben più scabroso di Maggie: la storia violenta e sensuale di un giovane prostituto di cui si innamora un austero e timorato padre di famiglia.
Il romanzo che non esiste, se non in un rapido cenno di uno dei primi biografi di Crane, è White a scriverlo, in una sorta di suggestivo plagio alla rovescia, il plagio di un'opera mai nata. Come a suggerire che la letteratura è un perfetto albergo del sogno dove si incrociano fantasmi e destini in perenne metamorfosi, e persino i libri mai scritti lasciano una consistente eredità.




permalink | inviato da bub il 31/8/2008 alle 7:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


31 agosto 2008

§

Ruth M. Stone

Theory for Ethnomusicology

Prentice Hall, 2007

 "Theory for Ethnomusicology" explores the underpinnings of various approaches to the study of world music. The text analyzes differences and commonalities in these orientations. It also explores how ethnomusicologists use these theories in ethnographic research.




permalink | inviato da bub il 31/8/2008 alle 7:47 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     luglio        settembre
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

biblioteca dell'egoista
fondazione de ferrari
breaking point
vento largo
archivio berneri-chessa
archivio carta stampata
fondation de rougemont
lampisterie
d. letizia
tarantula
radicali anarchici
barravento
archivio movimenti
finimondo
contrappunto
etnogastronomia ligure
liguria


bub






CERCA