.
Annunci online

bub
variazioni


Diario


31 maggio 2008

§

Man Woman
HITLER NON HA INVENTATO LA SVASTICA
CONIGLIO EDITORE, 2008, €16,50

 

 

Usata dalla Coca-Cola e dalla birra Carlsberg, dai boyscout e dalla prima società elettrica di Milano, visibile nei mosaici di Ostia e nelle antiche sinagoghe, nei templi buddisti e sulle tende degli indiani d'America: la svastica ha accompagnato per millenni tutta la storia dell'umanità prima di essere ridotta a simbolo di odio e di terrore. Ma qual è il vero significato della svastica e perché Hitler la scelse per la sua bandiera? Con circa 400 immagini rarissime, molte delle quali pubblicate per la prima volta, il visionario artista pop ManWoman mostra gli imprevedibili e dimenticati usi della svastica prima della II Guerra Mondiale. Un'indagine approfondita nella storia segreta, sacra e profana, della svastica e dell'eredità perduta a causa del nazismo. Questa prima edizione italiana è arricchita da una serie di saggi scritti da specialisti di diverse discipline che esaminano il simbolo della svastica dal punto di vista storico, artistico, religioso e della teoria della comunicazione.




permalink | inviato da bub il 31/5/2008 alle 7:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


30 maggio 2008

§

Annalee Newitz

Fingiamo di essere morti

Isbn Edizioni/Saggiatore, 2008, 17.50
Mostri capitalisti della cultura pop americana. Zombie, serial killer, scienziati pazzi e mostri pulp come metafora delle contraddizioni del capitalismo. Strangolati dal lavoro, alienati dalla monotonia della vita da ufficio e abbagliati dalla ricerca del profitto a tutti i costi, i mostri nati dalla fantasia (e non solo) esprimono il disagio di un sistema economico fatto apposta per fagocitare le persone e da cui sembra impossibile poter sfuggire. Spaziando dal cinema, ai classici della letturatura americana, alla cultura popolare "Fingiamo di essere morti" è un saggio sulla storia del capitalismo americano dai primi del Novecento a oggi. Traduzione di A. Beccaria e A. Corradi.




permalink | inviato da bub il 30/5/2008 alle 7:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


29 maggio 2008

~

L'ALBUM BRETON

Iconographie choisie et commentée par Robert Kopp
Gallimard, "Bibliothèque de la Pleïade", 2008
Au-delà de l’œuvre, dans le sens habituel du terme, le surréalisme vise à la création d’un état poétique ; il est tâtonnement vers, attente, annonciation. Sans supposer aucunement, « à travers la trame du monde visible, un univers invisible qui tend à se manifester ». Le surréel n’est pas le surnaturel. Le ravissement devant le merveilleux est, certes, une illumination, mais passagère. Suffisante, toutefois, pour changer notre vie. Impuissante, sans doute, à changer le monde.
Grâce à André Breton, nous sommes un peu moins « momifiés », grâce à lui une « brèche » s’est ouverte dans notre asservissement intérieur et extérieur. Grâce à son fondateur, le surréalisme est toujours resté une interrogation, une aventure, une quête. « Je cherche l’or du temps », est-il écrit sur sa tombe.




permalink | inviato da bub il 29/5/2008 alle 8:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


28 maggio 2008

§§

giovedì 29 maggio 2008 - ore 17

Archivio di Stato - Complesso monumentale di Sant’Ignazio - Genova

Presentazione del volume

IL PRIVILEGIO DEL RICORDO. Narratrici liguri del Novecento

a cura di Francesca Di Caprio Francia

Relatore Francesco De Nicola.
Conclusioni della Consigliera di Parità della Regione Liguria Valeria Maione

Indice dei contributi
Minnie Alzona (Elio Gioanola)
Elena Bono (Giovanni Casoli)
Irene Brin (Anna Nozzoli)
Francesca Duranti (Massimo Bacigalupo)
Marise Ferro (Ursula Vogt)
Milena Milani (Pier Luigi Ferro)
Liana Millu (Giovanni Meriana)
Camilla Salvago Raggi (Stefano Verdino)
Beatrice Solinas Donghi (Pino Boero)




permalink | inviato da bub il 28/5/2008 alle 7:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


28 maggio 2008

§

Elie Kagan
MAI 68 D'UN PHOTOGRAPHE
Le Layeur, 2008
Un millier de photographies jalonnent le parcours d'Elie Kagan tout au long des événements de Mai 68. Un mois de mai qui commence pour lui à Nanterre dès mars et dont il suivra tous les épisodes. Assemblées étudiantes, irruption du mouvement du 22 mars lors du défilé du 1er mai, occupation et évacuation de la Sorbonne le 3 mai, premiers pavés et barricades du boulevard Saint-Michel, Elie Kagan ne manque aucune péripétie. Toujours aux premières loges, perché sur un balcon, monté sur un banc ou sur son escabeau, entre cordon de police et manifestants, au coeur de l'action, prenant des risques insensés entre tirs de grenades lacrymogènes et pavés, l'itinéraire qu'il suivra tout au long de ces mois se calquera sur le cours des événements, accompagnant ou plutôt précédant les manifestants étudiants, lycéens, ouvriers... jusqu'à la contre-manifestation gaulliste des Champs-Elysées. Un millier de clichés de Mai 68, sur une oeuvre qui en compte près de 300 000, le nombre peut paraître faible et traduit mal l'importance qu'eurent les événements de Mai pour Elie Kagan.
Sa présence lors des manifestations n'était pas fortuite. Son attention marquée, depuis ses débuts de photographe, pour les luttes sociales, pour les mouvements anti-colonialistes et anti-impérialistes, son témoignage sur le massacre d'Algériens du 17 octobre 1961, allait trouver son point d'orgue au printemps 1968. Le rappel de ces évènements, 40 ans après, ne pouvait se faire sans mentionner la place qu'il y a tenue. La préface de Daniel Bensaïd, en forme d'hommage au témoin privilégié que fut Elfe Kagan, vient redonner vie et sens à ces instantanés qui font aujourd'hui partie de l'Histoire. L'étude d'Alexandra Gottely et Laure Lacroix, responsables du fonds photographique Élie Kagan conservé à la Bibliothèque de documentation internationale contemporaine à Nanterre depuis sa disparition le 25 janvier 1999, vient replacer ces prises de vues dans l'oeuvre du photographe et l'iconographie de Mai 68.




permalink | inviato da bub il 28/5/2008 alle 7:44 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 maggio 2008

§

Franco Fabbri
AROUND THE CLOCK. Breve storia della Popular Music
UTET, 2008
Da qualche decennio si usa il termine "popular music" per indicare l'insieme dei generi che a partire dalla prima metà dell'Ottocento si sono differenziati sia dalla musica d'arte sia da quella di tradizione popolare. Nella seconda metà del Novecento la popular music di maggior diffusione è stata di origine afroamericana e angloamericana, ma un esame ravvicinato dello stesso rock'n'roll, della musica beat, del rock, e degli altri generi che hanno dominato il mercato discografico dagli anni Cinquanta a oggi mostra un intreccio sorprendente di influenze, materiali comuni, coincidenze nei contesti socioculturali, tecnologici, industriali. Per capire la popular music di oggi è quindi necessario uno sguardo d'insieme su tutti i generi che si sono avvicendati e differenziati dall'Ottocento in poi. Dal fado e dal cabaret francese alla canzone napoletana, dal flamenco al rebetico, dalla canzone americana di Tin Fan Alley alla chanson, dal rock'n'roll alla bossa nova, dai cantautori al rock psichedelico, dal reggae al rap, fino alla world music, seguendo anche gli sviluppi delle tecnologie e dei media. Uno sguardo necessariamente breve, ma il più possibile equilibrato, che rende conto del contributo di popoli, storie e culture diverse al suono globale del Duemila.




permalink | inviato da bub il 27/5/2008 alle 7:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


27 maggio 2008

§§

Carmine Mangone e Valentina Mosca

 

presentano

 

AL CENTRO ESATTO DELLO STUPORE

:: poesie d'amore e di furore ::

 

PesaNerviPress

 

FIRENZE :: giovedì 29 maggio :: ore 18

libreria Punto Einaudi :: via Guelfa 22/a rosso




permalink | inviato da bub il 27/5/2008 alle 7:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


26 maggio 2008

~

AUT AUT, n. 337, 2008

INDAGINI SUL GIOCO

In questo numero di "Aut aut" articoli di Stefano Bartezzaghi, Anna Bondioli, Davide Zoletto, Pier Aldo Rovatti, Giuseppe Bianco, Johan Huizinga, Émile Benveniste, Maurice Blanchot, Roger Caillois, Massimiliano Roveretto, Hans-Jörg Rheinberger.




permalink | inviato da bub il 26/5/2008 alle 8:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


25 maggio 2008

§

LES MANUSCRITS D'ANDRÉ BRETON VENDUS 3,2 MILLIONS D'EUROS

Une vente exceptionnelle. Aujourd'hui, le célèbre «Manifeste du surréalisme», unique exemplaire complet, était vendu aux enchères chez Sotheby's Paris signé par le chef de file de ce mouvement, André Breton. Un deuxième manuscrit important, celui de «Poisson soluble», fruit de quatre années d'écriture automatique entre 1921 et 1924 était également mis en vente.
Sept cahiers d'écolier sur lesquels ont été écrites les ébauches de «Poisson soluble», complétaient l'ensemble du lot. Ces manuscrits avaient été offerts par André Breton à Simone Collinet, sa première épouse. Lors d'une première vente publique, après le décès Simone Collinet, le « Manifeste du surréalisme» avait été adjugé à 740 000 euros.
Il était aujourd'hui présenté en lot avec huit autres manuscrits. Cette procédure relance les enchères et permet à un unique enchérisseur d'emporter le lot complet. Le collectionneur français Gérard Lhéritier, fondateur du Musée des lettres et manuscrits à Paris a emporté le lot pour 3,2 millions d'euros après une véritable passe d'armes avec les autres enchérisseurs.
Gérard Lhéritier, qui se trouvait dans la salle, a expliqué être «très, très, très heureux». «Je craignais que les neuf manuscrits soient dispersés, ils restent maintenant ensemble, ne quittent pas la France, et vont être exposés dès juin au public dans notre musée, dans une vitrine spécialement conçue pour eux.» Camille Peyrache, Le Figaro 22/05/2008




permalink | inviato da bub il 25/5/2008 alle 7:57 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


25 maggio 2008

*

UNIONE SINDACALE ITALIANA

Segreteria Nazionale

Viale Bligny, 22     20136 Milano

Tel e Fax 0258304940

e-mail: segr-naz-usi@libero.it

http://www.ecn.org/usi-ait

http://www.lottadiclasse.it

 

Saranno Bocconi amari

ma non per noi

 

            L'UNIONE SINDACALE ITALIANA è il sindacato storico del movimento libertario ed autogestionario italiano. Si è costituita nel 1912 e durante il “biennio rosso” è giunta a contare oltre 500.000 aderenti. Tra i protagonisti della sua lunga storia: Alcide De Ambris, Giuseppe Di Vittorio, Filippo Corridoni, Giuseppe Pinelli e tanti altri. Durante il fascismo fu il Prefetto di Milano a sciogliere l’U.S.I. con decreto 7.1.1925 dopo che le sue sedi – per prima quella di Milano – furono devastate e saccheggiate. Quasi 80 anni dopo, il Comune di Milano e l’Università Bocconi vogliono cancellare l’U.S.I. dalla storia milanese.

            All’indomani della Liberazione dal nazifascismo, l’U.S.I. si è ricostituita e, dopo avere avuto sede a Milano presso il leggendario Ponte della Ghisolfa e nel centro sociale di Via Torricelli, dal 1989 è da quasi venti anni in Viale Bligny n. 22, che è diventato oggi uno storico punto di riferimento organizzativo per tutto il sindacalismo di base e la cultura libertaria e autogestionaria.

            In questi anni l’U.S.I. ha sempre rivendicato la restituzione del patrimonio immobiliare devastato dal fascismo e ha chiesto al Comune di Milano  l’assegnazione di una sede. Per tutta risposta il Comune ha svenduto a poco più di 4 milioni di euro l’intero stabile di Viale Bligny n. 22 all’Università Bocconi.

            Nella sede di viale Bligny, hanno spazio i diversi sindacati di settore (sanità, poste, commercio, imprese di pulizie, precari), progetti di solidarietà internazionali (Progetto Libertario Flores Magon, che si occupa di assistenza sanitaria alle comunità indigene in Chiapas), un laboratorio teatrale, attivo tutti i giorni, che ha permesso la realizzazione di numerosi e diversi spettacoli in teatri nazionali ed internazionali.

            L'Unione Sindacale Italiana, nello spazio di viale Bligny ha dato vita a numerose attività di interesse per la cittadinanza ed ha organizzato, tra le altre, iniziative di solidarietà nazionale ed internazionale, culturali, ricreative e teatrali il tutto senza fine di lucro, oltre alla normale attività di consulenza sindacale gratuita ed assemblee pubbliche su tematiche sociali quali salute, sicurezza sul lavoro, diritti civili, immigrazione ed integrazione, precariato, diritti delle donne.

            Il comune di Milano, dopo una iniziale disponibilità ad assegnare una sede ad U.S.I. e a seguito di numerosi incontri, ormai propone delle soluzioni in immobili fatiscenti e situati in estrema periferia e, addirittura, si nega ai contatti telefonici.

            A fronte di tutto ciò un sindacalista di U.S.I. dell’Ospedale San Paolo e persona conosciuta nell’ambito dei Centri Sociali, lunedì 26 maggio 2008 avanti il Giudice di Pace di Milano subirà un processo penale per occupazione abusiva.

            Non vorremmo che la sindaca Moratti, dopo aver sfilato in corteo il 25 aprile del 2007 mostrando tutto il suo essere antifascista, adesso si comportasse esattamente come il prefetto fascista che ha decretato di sciogliere USI e appropriarsi di tutti i suoi beni, che sono beni dei lavoratori.

            Oggi continuare a negare la restituzione di una sede, espropriata dal regime fascista e chiedere che i suoi militanti vengano processati per aver rivendicato la dovuta restituzione è continuare ad attuare una politica “fascista” in linea con il revisionismo storico ed il revanchismo del ventennio.

            Ieri come oggi, non faranno di noi un sol “bocconi”!

 

Milano, 23/05/08

segreteria USI Milano




permalink | inviato da bub il 25/5/2008 alle 7:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 maggio 2008

§

(…)

Le mai 68 de la Nouvelle droite

Le Labyrinthe, 2008, €18

Des témoignages de plus sur Mai 68 ? Sans doute. Mais ceux-ci risquent de surprendre et d'apporter aux historiens un éclairage imprévu sur les événements et, surtout, sur l'époque qui les a produits. A deux exceptions près, tous les auteurs de cet ouvrage collectif avaient entre 12 et 30 ans lorsque des pavés furent descellés au Quartier latin. Tous, aussi, à une autre exception près, se sont reconnus à un moment ou à un autre de leur existence dans cette singulière aventure intellectuelle que l'on appelle la Nouvelle Droite. Une aventure qui, ce n'est sans doute pas tout à fait un hasard, a précisément commencé en 1968 ! Une règle du jeu avait été fixée d'un commun accord. Chaque auteur raconterait ce qu'il a vécu, vu ou ressenti en Mai 68, et quel regard rétrospectif il porterait aujourd'hui à la fois sur les événements et sur sa propre expérience. Le résultat est tout à fait surprenant. La diversité de ces témoignages souvent contradictoires est riche d'enseignements : non seulement sur Mai 68, bien sûr, mais encore sur la Nouvelle Droite elle-même qui apparaît ici, pour la première fois peut-être, dans sa pluralité et sa complexité. Textes de Jean-Jacques Mourreau, Michel Marmin, Alain de Benoist, Pierre Bérard, Jean Jouven, Jean-François Gautier, Pierre Le Vigan, Charles Champetier, Maurice Rollet, Michel de Sablet, Tomislav Sunic, Marco Tarchi, etc.




permalink | inviato da bub il 24/5/2008 alle 7:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 maggio 2008

§§

24 Maggio 2008 - ore 16.30

CITTA’ DI RAPALLO. BIBLIOTECA INTERNAZIONALE  
Villa Tigullio - Parco Casale - telefono 0185.63304   
           
“SABATO IN BIBLIOTECA”

I LIBRI DELLA VITA - UN EDITORE RACCONTA
Conferenza di LUIGI BRIOSCHI

LUIGI BRIOSCHI è un dei più autorevoli editori italiani. Dal 1987 ha rinnovato il catalogo della  Guanda, casa editrice storica nata a Parma nel 1932, introducendovi molti dei nomi più prestigiosi della narrativa internazionale e cogliendo tempestivamente segnali e mutamenti del gusto. Nel 2008 ha ottenuto il premio “Alassio 100 Libri ­ Un editore per l’Europa”. Vive fra Milano e San  Michele di Pagana.
La serie di conferenze “Sabato in Biblioteca 2007-2008” è curata da Massimo Bacigalupo, Lucetta Frisa e Giorgio Gazzolo




permalink | inviato da bub il 23/5/2008 alle 8:51 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


23 maggio 2008

§

Fabio Zanello, Matteo Di Giulio

NON E’ TEMPO DI EROI. Il cinema di Johnnie To

Il Foglio, 2008, €15

Johnnie To è una delle più belle sorprese emerse da Hong Kong. Un uomo di cinema a tutto tondo: regista completo, autore poliedrico, produttore di ferro. Con titoli come The Mission, PTU ed Election ha saputo imprimere nell'immaginario popolare il suo talento, più nero della pece, e regalare emozioni al suo pubblico. Oggi è apprezzato anche a livello internazionale e le sue pellicole sono applaudite nei principali festival. Scoprire il suo mondo spettacolare significa entrare in un universo parallelo fatto di pistole, eroi, romanticismo e cavalieri erranti, sempre all'insegna del colpo di scena. Dalla leggerezza degli esordi comici all'azione pura, da oltre vent'anni Johnnie To è un protagonista del miglior cinema orientale, con ancora tanto da dire agli amanti della settima arte.




permalink | inviato da bub il 23/5/2008 alle 7:42 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


22 maggio 2008

~

BERND AND HILLA BECHER, LANDSCAPE/TYPOLOGY
organized by Peter Galassi, Chief Curator of Photography
The Museum of Modern Art - MoMa / The Edward Steichen Photography Galleries, third floor,  New York 21/5/2008 - 25/8/2008
The German artists Bernd and Hilla Becher, who began working together in 1959 and married in 1961, are best known for their "typologies"-grids of black-and-white photographs of variant examples of a single type of industrial structure. To create these works, the artists traveled to large mines and steel mills, and systematically photographed the major structures, such as the winding towers that haul coal and iron ore to the surface and the blast furnaces that transform the ore into metal. The rigorous frontality of the individual images gives them the simplicity of diagrams, while their density of detail offers encyclopedic richness. At each site the Bechers also created overall landscape views of the entire plant, which set the structures in their context and show how they relate to each other. The typologies emulate the clarity of an engineer's drawing, while the landscapes evoke the experience of a particular place. The exhibition presents these two formats together; because they lie at the polar extremes of photographic description, each underscores the creative potential of the other.




permalink | inviato da bub il 22/5/2008 alle 8:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


21 maggio 2008

§§§

SPIRITUALITÀ AL FEMMINILE: MADDALENA SUSANNA CATERINA
Seminario di stud. Genova, Auditorium di Palazzo Rosso. Mercoledì 21 maggio 2008, ore 18.00

In occasione del riallestimento del percorso espositivo di Palazzo Bianco e Tursi, con l’eccezionale ricollocazione de La Maddalena penitente di Antonio Canova e con i dipinti Susanna e i vecchioni di Paolo Veronese e Nozze mistiche di Santa Caterina d’Alessandria di Paris Bordon, Palazzo Ducale – Fondazione per la Cultura, Comune di Genova e l'Università degli Studi di Genova propongono oggi un seminario di studi dedicato alla spiritualità al femminile.

Parteciperanno:
- Sandra Isetta (Università di Genova)
  Introduzione. Tra Eva e Maria. Cristianesimo e tipologie femminili
- Marcello Marin (Università di Foggia)
  L’Apostola: intorno al Vangelo di Giovanni
- Carla Ricci (Università di Bologna)
  Maria Maddalena tra leggenda e iconografia
- Fabrizio Maiocco (Teatro stabile)
  Lettura: La candida rosa (Dante, Paradiso, canto XXXI)




permalink | inviato da bub il 21/5/2008 alle 7:55 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     aprile   <<  1 | 2 | 3  >>   giugno
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario

VAI A VEDERE

biblioteca dell'egoista
fondazione de ferrari
breaking point
vento largo
archivio berneri-chessa
archivio carta stampata
fondation de rougemont
lampisterie
d. letizia
tarantula
radicali anarchici
barravento
archivio movimenti
finimondo
contrappunto
etnogastronomia ligure
liguria


bub






CERCA